Conservazione Il Futuro

Kwantu CENTRO DI RIABILITAZIONE

Il centro di educazione e riabilitazione della Kwantu Private Game Reserve ospita cinque diverse specie di predatori. Progettato in modo tale da mantenere il suo aspetto naturale, il centro di riabilitazione fornisce i cinque predatori in via di estinzione che hanno tanto bisogno di connessione con la natura selvatica sebbene vivano in una zona isolata. I predatori che hanno trovato casa al centro includono Lion, tigri del Bengala, ghepardi, cani selvatici e gatti Serval.

Il Centro di riabilitazione della fauna selvatica di Kwantu mira a contribuire alla conservazione delle specie in via di estinzione e alla riabilitazione della fauna selvatica ferita e avvelenata. Il team di Kwantu Game Reserve è un gruppo di ambientalisti dediti alla conservazione della fauna selvatica.

"L'obiettivo del centro educativo e di riabilitazione predatore è uno incentrato conservazione dove Kwantu adotta pericolo, ferito e animali maltrattati e li mette in un processo di riabilitazione e rewilding dove possono poi essere rimessi in libertà"

La specie Serval raramente vista è considerata in pericolo quindi l'iniziativa presa dalla Kwantu Private Game Reserve per preservarla e nutrirla. La Kwantu Private Game Reserve sta anche utilizzando questo centro per la riproduzione in quanto alcuni dei predatori sono di fronte all'estinzione.

Ad esempio, il cane selvatico che è raramente visto nel suo habitat naturale oggi, il cane selvatico è una delle specie di mammiferi più a rischio in Africa meridionale. Come cacciatore e mangiatore di carne che richiede un ampio habitat, è costantemente in competizione con gli umani, e in particolare con gli allevatori di bestiame.

Le tigri del Bengala che si trovano anche al centro sono una specie la cui popolazione si è deteriorata nel mondo. Il programma di allevamento condotto a Kwantu ha visto la nascita di un cucciolo di tigre del Bengala per le tigri residenti al centro, dopo lunghi e faticosi periodi di lavoro e una ricerca seria che ha finalmente dato i suoi frutti dopo 4 anni. Il giovane cucciolo sta facendo bene ed è in procinto di essere alzato a mano nella riserva dallo staff di Zoology.

Come parte del programma di educazione e la ricerca gli animali sono tenuti per consentire ai ricercatori di seguire il loro comportamento. Attualmente tre cuccioli di leone che sono state sollevate a mano stanno facendo bene al centro con i ricercatori Kwantu sperando di vedere i cuccioli sviluppano in predatori completamente cresciuto prima di essere trasferiti in altre parti del paese sono stati la popolazione leone è diminuita a causa di influenze umane come caccia.

DESCRIZIONE:

NOME SEX COLLARE NO. CHIP NO. AGE
Zulù Maschio 148-8620 978000001079773 6 Anni 10 Mesi
Chiedza Femminile 148,752 978000001065230 9 Anni 5 Mesi

1) Zulu nato Kwantu per 2004/10/03 - Non del tutto handraised come un cucciolo, ma abituati alle persone per mezzo di alimentazione e di una madre addomesticato che permette l'interazione. Zulu è stata riconosciuta come una release candidate potenziale dopo aver visualizzato adeguati segnali di non interazione con la gente, la posizione dominante sulle altre leoni e potenziali capacità di caccia durante il gioco.

2) Chiedza nata ad Addo Lion Ranch 2002/03/12 - Chiedosta come cucciolo al suo luogo di origine, Chiedza ha permesso l'interazione fino alla nascita della sua prima cucciolata, dopo di che la leonessa ha mostrato il potenziale di rinascita per mezzo della disabitazione in assenza di continua interazione umana.

L'identificazione di leone come un potenziale specie chiave all'interno Kwantu Game Reserve è stata causata da allevamento eccesso di prede all'interno della Riserva e la minoranza di predatori adeguati per controllare naturalmente le prede.

Entrambi i leoni sono stati identificati come release candidate potenziali da Kwantu esistente a causa di tratti di personalità, potenziale capacità di cacciare con successo prede selvatiche, non l'uno rispetto all'altro in caso di riproduzione all'interno del selvaggio, la capacità di valutare una situazione e reagire in modo appropriato (come dimostrato e confrontato guardando selvatici nati leoni) e il potenziale di essere non invasive in ambito turistico della Riserva.

Tecniche di valutazione - in cattività:

Attento monitoraggio nascosto di interazioni in corso con un campo 1 ha con altri leoni è risultato essere il modo più produttivo di valutazione. Questo ha permesso per le valutazioni di carattere, di gioco e di aggressione e tecniche di alimentazione generale da valutare, tra le altre normali esposizioni comportamentali.

1) La rimozione di assuefazione per gli esseri umani - Questo è stato ottenuto in questo caso per prevenire ogni contatto umano con i leoni a parte una piattaforma di osservazione al di fuori del campo leone. I leoni sistematicamente dissociate con gli esseri umani e sono diventati meno attivi con l'arrivo di veicoli o persone, mostrando un comportamento più sociale tra loro e rimanendo ignoranti al fattore umano, mentre sta guardando.

2) Rimozione dell'associazione degli esseri umani a disposizione cibo - Questo è stato ottenuto da una puleggia inserito nel campo del perimetro esterno. L'area di carico per le carcasse è stato nascosto e le voci non erano di essere ascoltato durante l'alimentazione. Rumore veicolo è ancora associato con l'alimentazione, ma questo non può essere evitato a causa delle dimensioni delle carcasse da alimentare. Falso alimentazione / Dry è stato fatto per aggirare questo e leoni presto imparato a non aspettarsi cibo ogni volta che un veicolo si avvicinava.

3) Introduzione di carcasse intere, invece di carne tagliata - Entrambi i leoni ha portato allo smantellamento di carcasse immediatamente in modo efficace. La sifonamento del contenuto dello stomaco è stato immediatamente notato e non è mai stato insegnato. Entrambi i leoni esposti il ​​morso uccidendo sul collo di tutte le carcasse alimentati. Il consumo di carni facilmente deperibili e contenuti prima era anche un'azione unlearned immediato. No prede vive potrebbe essere alimentato per essere in grado di valutare i metodi di uccisione.

4) Posizionamento dei candidati in una zona delimitata in natura - sono stati introdotti e nati in una zona all'interno della riserva principale di 1 ettaro di substrato naturale e macchia I leoni. Ciò ha consentito l'associazione con altre specie di selvaggina attraverso i fili del campo. Nessun rifugio artificiale è stato fornito e l'acqua era disponibile da una sorgente naturale.

5) la valutazione costante - Assessment all'interno dei campi è descritto nel documento. Valutazione in natura è stata facilitata dal posizionamento di collari di telemetria su entrambi i leoni. Ciò ha fornito per facilitare il monitoraggio e il controllo delle uccisioni e comportamenti sociali così come i movimenti sulla Riserva.

Rilascio dei leoni ha avuto luogo nel mese di aprile del 2009. Entrambi i leoni sono stati rilasciati dalla zona Centro Diurno vicino all'acqua in una direzione che permette la più spazio senza incontrare una recinzione o una barriera artificiale e per consentire loro di allontanarsi dalle persone di monitoraggio del rilascio.

Chiedza stato rilasciato con Zulu dopo circa 10 minuti dopo. Chiedza ha scelto un corso giù per la valle più vicino con Zulu rifugiandosi in un cespuglio sul lato opposto della diga. Entrambi i leoni sono stati sotto costante monitoraggio uninvasive dal rilascio.

Entrambi i leoni sono tolleranti di veicoli e non mostrano un comportamento aggressivo nei loro confronti o persone. Né leone è stato osservato o notato di avere veicoli avvicinati o persone nella riserva, ma continuare con un comportamento normale mentre viene osservato. Né ha utilizzato un veicolo come buffer per la caccia.

Entro la prima notte di rilascio, Chiedza ha ucciso, ma non ha mangiato un Bushpig. Questo è tipico del leone selvaggio in quanto esibiscono lo stesso comportamento. Lo Zulu ha fatto lo stesso per uccidere Bushpig, presumibilmente con il maiale che si avvicina a uno dei suoi assassini, ma non li mangia. I facoceri sono spesso catturati e mangiati.

Tutta l'abitudine è apparentemente stata rimossa dai leoni e mostrano un normale comportamento sociale. 2 cuccioli sono nati il 12/05/2011 e sono in salute eccezionale. Durante i suoi anni in cattività, Chiedza aveva problemi a prendersi cura dei suoi piccoli e li allattava efficacemente. Questo ha rimediato in natura. Chiedza mostrò il comportamento normale prima e dopo il cubbing allontanandosi da Zulu e solo unendosi a lui per le uccisioni. A 2 mesi i cuccioli furono presentati al loro padre. Questo è in linea con il comportamento dei leoni selvatici.

Entrambi i leoni sono diventati cacciatori efficaci basati sull'efficacia delle uccisioni fatte, i modi in cui sono fatte le uccisioni e l'utilizzo del loro ambiente per uccidere. I leoni hanno preso a caccia in vegetazione più spessa a volte per le più grandi specie di prede, impedendo così il facile movimento della preda e consentendo una rapida uccisione. Nessun utilizzo di recinzioni è stato finora registrato come metodo di barriera per uccidere.

Facendo riferimento alla tabella seguente, i leoni stanno utilizzando l'energia in modo efficiente facendo uccisioni più grandi, riducendo così la quantità di uccisioni da effettuare e consentendo un periodo più lungo tra il dover cacciare. La documentazione delle uccisioni più piccole è difficile a causa dei leoni che finiscono la carcassa o non lasciano abbastanza resti da trovare. Gli ospiti e il personale hanno osservato varie battute di caccia e inseguimenti su antilopi e facoceri più piccoli.